Vulnerability: a limit or a resource?

How to understand vulnerability, embrace it and grow with it

 

It is early July, there is a suffocating heat.
The working day is over, the children are in bed and I can finally answer the call of the sofa and the remote control. I look for something, more than to look at, to see distractedly, as I think that now my body and my mind have the right to slowly turn off. At some point, a documentary catches my attention… I read Brené Brown… a name that actually reminds me of something… I get curious and I begin the vision.

Here I just tell you that I rekindled within a minute both my heart and my brain! I immediately felt a strong connection with this Texan researcher and what she shared from a stage. She just seemed to be talking to me!

Within just over an hour she managed to give a name to a series of emotions, moods, situations that I experienced and that often seemed contradictory or without a solution … but they weren’t!
How many biases and how many wrong thoughts I had up to that moment in my mind!
This is where my journey to discover vulnerability comes from: I began to read her books and it happens that, while to discovering vulnerability, I learn wonderful connections with other feelings and emotions. I want to tell you everything about it, but let’s go in order!

Dear reader, the questions I ask you, or rather that I encourage you to ask yourself, are the same as the ones I asked myself: what does vulnerability mean to you? Does it have a positive or negative meaning for you? What does it have to do with your life? Can you delete it? Is it a limit? Is it useful to hide it?

I also wondered how all this explosion of awareness could be useful in my journey as a professional coach: what does vulnerability have to do with being a Coach? How does it fit in and connect to the key skills that a Coach is required to master?

For Brené, vulnerability:
– It is not weakness

– It belongs to all human beings, it is universal! no one is exempt from it because life itself is vulnerability

– It is strongly connected to trust (it is a product of it). In relation to this assumptions, it is very important to share our emotions and experiences with those we trust. Today’s super connected and super social world tends to sell out and depreciate this wonderful concept

– Deeply linked to trust is the fact that we cannot do it alone, despite what our modern society is reinforcing, we all need support and people who “let us try to be different without judging us”

– Vulnerability brings uncertainty, risk and emotional openness: vulnerability is the fuel of life, it is “the most accurate measure of courage. Vulnerability and courage generate more vulnerability and courage.” Brené offers us what she calls the prayer of vulnerability: “give me the courage to expose myself and let me be looked at for who I am”.
Here is the connection of these concepts with some coaching skills.
The ICF Competence nr 4 is about ‘Trust and Safety’. Coaches develop their ability to ‘recognize and support the client’s expression of feelings, perceptions, concerns, beliefs and suggestions’ and they ‘demonstrate openness and transparency, even showing vulnerability, with the purpose to promote and nurture trust in the relationship with the client’.

– Vulnerability also creates innovation, creativity (inventing something that has never existed before is super vulnerable!) and change… That same change that as coaches we encourage and support.
And there is more!
The word vulnerability opens us to incredible connections and worlds, it allows us to deepen and reveal concepts and realities that I would have never imagined: shame, empathy, connection, belonging, hope.
Let’s explore them up and discover them together.

For me it was like unwrapping a gift on Christmas Day: the impatience to see them, the joy of starting to explore them, the amazement in front of the reflections and discoveries they generate, the gratitude of being aware of having enriched myself with something new…. Just like exploring the client in a coaching session.

If you’re ready, let’s go!

According to Brené, you can’t talk about vulnerability without talking about shame. Shame loves secrets and feeds on them, along with judgment and silence; shame is that little voice that whispers in your ear “you’re not good enough or good, pretty or cute, intelligent … Who do you think you are?”

For women, shame is doing everything and more, doing it perfectly and never showing that they are struggling. This mechanism creates a network of conflicting and competing impossible expectations.

For men, shame is to be perceived as weak, as one who will not be able to provide for the needs of others. The mechanism behind shame is act-perfect-please and t is linked to fear and perfectionism.

In my path to become a professional coach, several times I fell into this network of perfectionism, performance and fear of not being up to the expectations: in my works, in being in the zone of non-knowledge during the session, by fearing of not asking the right questions to my clients …

Here this splendid quote by Roosevelt known as “the phrase of the man in the arena” comes to our aid: “It is not the critic who counts. It is not the man who, sitting, says that the one who did something could have done it better, and remains to see how he falls and stumbles. The credit belongs to the man who is in the arena, his face marked by dust, blood and sweat. But when he’s in the arena, if he goes well, he wins, otherwise he loses, and when he fails, when he loses, he does it in a great way.”

What are the two strongest antidotes to shame?
Empathy and feeling worthy regardless, sharing openly without secrets. Once again the coaching competencies can inspire us, about ICF Competency nr. 4 that encourages the coaches to develop their ‘ability to show support, empathy and concern for the client”. With empathy, shame dies. Feeling enough therefore allows us to experience positive emotions such as connection, belonging and hope.

Connection is the energy that vibrates between people when they feel seen, heard and appreciated, when they can give and receive without being judged. What a richness!

And here, I immediately recognize another red thread that has crossed my training as a coach, namely Bruce Lipton’s book “The Biology of Beliefs”.

Lipton underlines the importance of connection and energy between the person and the environment and between person and person, emphasizing how all living beings can enter into harmonious resonance with each other and how thought itself can shape our lives. In the same way, the partnership with our customers in coaching becomes a fundamental cornerstone of a coaching session and a coaching journey.
It is also important to remind how our coaching mindset (competence 2) can impact the session and the client’s progress.

Belonging is the innate human desire to be part of something greater.
We often try to adapt by seeking the approval of others, but true belonging is when we present our authentic and imperfect self to the world, and in order to do so we need to enhance our level of self-esteem.
Once again Brené comes to my aid, because it allows me, as a coach, to serenely abandon my belief of having to do better, and to embrace my mere being there, being present as a coach in the session despite my imperfections.

Brené says that to feel a deep love and belonging you must first believe that you are worthy of it and have self-esteem, so that we can close the circle that we had opened with our reflection in this article.

Last but not least, let’s explore hope.
Usually we think about hope as a warm and indefinite emotion, that feeling that everything can be possible, but Brené says instead that it is not an emotion, but rather a process composed of a trilogy of: objectives, paths, activity.

There is hope when:

– we can set realistic goals (I know where I want to go);

– we can imagine how to achieve these goals, we are able to remain flexible and develop alternative paths (I think I know how to get where I want, I am tenacious, I am able to endure disappointment and try again);

– we believe in ourselves (I can do it!)

This new view on hope was like an epiphany for me!
This trilogy perfectly fits in the coaching process and in the coaching session itself, when the coach and the client partners for the definition of clear agreements and objectives, in the flexibility of the coach supporting the client in the coaching journey, in believing that you are worthy, that the client is whole and perfect and therefore and that you can begin the powerful coaching journey!

“Three things remain of everything:
the certainty that we are always starting,
the certainty that we need to continue,
the certainty that we will be interrupted before we finish.

Therefore, we must do:
of interruption, a new path,
of the fall, a dance step,
of fear, a ladder,
of the dream, a bridge,
of the need, an encounter.”

(Fernando Pessoa)

How can I close this article?
By greeting you dear reader, wishing that this journey of yours into the world of vulnerability and Brené has been as enlightening for you as it has been for me!

… and well… dear vulnerability… I embrace you with the hope of spending our whole life together!

 

Laura

 

________________________

Italian version

Vulnerabilità: limite o risorsa?
Comprenderla e viverla per abbracciarla e crescere con lei

 

Inizio di luglio. Caldo soffocante. La giornata lavorativa è finita, i bimbi sono a letto e finalmente posso rispondere al richiamo del divano e del telecomando. Cerco qualcosa più che da guardare, da vedere distrattamente, pensando che ormai il mio corpo e la mia mente abbiano diritto a spegnersi lentamente.

Ad un certo punto però un documentario attira la mia attenzione… leggo Brené Brown… un nome che effettivamente mi ricorda qualcosa… mi incuriosisco e comincio la visione… ecco vi dico solo che ho riacceso nel giro di un minuto cuore e cervello! Ho subito sentito una connessione forte con questa ricercatrice texana e con ciò che condivideva da un palco…sembrava proprio stesse parlando a me! Nel giro di poco più di un’ora è riuscita a dare un nome ad una serie di emozioni, stati d’animo, situazioni vissute che spesso sembravano contraddittorie o senza soluzione… ma non lo erano!

Quanti preconcetti e quanti pensieri sbagliati fino a quel momento nella mia mente!
Ecco da qui nasce il mio viaggio alla scoperta della vulnerabilità: comincio a leggere i suoi libri (‘Osare in grande’, ‘I doni dell’imperfezione’) e accade che, per scoprire la vulnerabilità imparo connessioni splendide con altri sentimenti e emozioni… te ne parlerò! Ma andiamo con ordine!

Caro lettore, le domande che ti pongo, o meglio che ti incoraggio a porre a te stesso, sono uguali a quelle che ho posto a me stessa: cosa significa per te vulnerabilità? Ha una accezione positiva o negativa? Cosa c’entra con la tua vita? Puoi eliminarla? È un limite? E’ utile nasconderla?

Mi sono inoltre chiesta come tutta questa esplosione di consapevolezza potesse essere utile nel mio percorso come coach professionista: cosa c’entra la vulnerabilità con l’essere Coach? In che modo si inserisce e si collega alle competenze chiave che un Coach è chiamato a sviluppare?

Per Brené, la vulnerabilità:

  • Non è debolezza;
  • Appartiene a tutti gli esseri umani, è universale! nessuno ne è esente perché la vita stessa è vulnerabilità;
  • È fortemente connessa alla fiducia (ne è un prodotto). In relazione a questo è molto importante ricordarsi di condividere le nostre emozioni ed esperienze con chi se lo merita, con chi si è guadagnato al nostra fiducia a piccoli passi, in piccoli momenti e in maniera costante. Il mondo super connesso e super social di oggi tende invece a svendere e deprezzare questo splendido concetto;
  • Profondamente legato alla fiducia è il fatto di non potercela fare da soli, per quanto questo concetto sia molto spinto e sostenuto nella società di oggi, tutto noi abbiamo bisogno di sostegno e di persone che “ci lascino provare ad essere diversi senza giudicarci”.
  • Porta con sè incertezza, rischio e apertura emotiva: la vulnerabilità è il carburante della vita, è “ la misura più accurata del coraggio. Vulnerabilità e coraggio generano vulnerabilità e coraggio”. Brené ci offre quella che definisce la preghiera della vulnerabilità: “dammi il coraggio di espormi e lasciarmi guardare”

Ecco qui che la connessione di questi concetti con alcune competenze che il coach esprime in sessione è splendida e lampante. La competenza 4 di ICF riguarda la ‘Fiducia e la Sicurezza’ nella relazione di coaching.
Il coach sviluppa infatti la sua ‘capacità di riconoscere e supportare l’espressione del cliente di sentimenti, percezioni, preoccupazioni, credenze e suggerimenti’ e di ‘dimostrare apertura e trasparenza, anche mostrando vulnerabilità, così da promuovere fiducia nella relazione con il cliente”.

  • la vulnerabilità è inoltre creatrice di innovazione, creatività (inventare qualcosa che non è mai esistito prima è super vulnerabile!) e cambiamento… quello stesso cambiamento che come coach incoraggiamo e supportiamo.

Ma non finisce qui! La parola vulnerabilità ci apre a connessioni e mondi incredibili, ci permette di approfondire e svelare concetti e realtà che mai avrei immaginato legate a lei: vergogna, empatia, connessione, appartenenza, speranza. Andremo a dischiuderle e scoprirle insieme, se ne avrai voglia!

Per me è stato come scartare un regalo ricevuto per Natale: l’impazienza di vederle, la gioia di cominciare a esplorarle, lo stupore di fronte alle riflessioni e alle scoperte che generano, la gratitudine di essere consapevole di essermi arricchita di qualcosa in più…. Proprio come l’esplorazione del cliente in una sessione di coaching!
Se sei pronto, si parte!

Secondo Brenee non si può parlare di vulnerabilità senza parlare di vergogna. La vergogna ama i segreti e se ne nutre, insieme al giudizio e al silenzio; la vergogna è quella vocina che ti sussurra all’orecchio “non sei abbastanza brava o bravo, carina o carino, intelligente… chi ti credi di essere?”

Per la donna la vergogna è fare tutto, farlo in modo perfetto e non mostrar mai che sta faticando; questo meccanismo crea una rete di aspettative  impossibili in conflitto e in competizione tra loro.
Per l’uomo la vergogna è essere percepiti come deboli, come colui che non sarà in grado di provvedere ai bisogni che si presentano.
Il meccanismo alla base della vergogna è agisci-perfeziona-compiaci; È legata alla paura e al perfezionismo.

Nel mio percorso per diventare coach professionista, più volte sono caduta in questa rete di perfezionismo, performance e paura di non essere all’altezza: nella creazione dei miei lavori, nello stare nella zona di non conoscenza durante la sessione, nella paura di non fare le domande giuste…

E allora ecco che questa splendida citazione di Roosvelt  nota come “la frase dell’uomo nell’arena” ci viene in aiuto: “Non è il critico che conta. Non è l’uomo che, seduto, sentenzia che colui che ha fatto qualcosa l’avrebbe potuta fare meglio, e resta a vedere come cade e inciampa. Il credito è dell’uomo che si trova nell’arena, con il volto segnato dalla polvere dal sangue e dal sudore. Ma quando sta nell’arena, se va bene vince, altrimenti perde, e quando fallisce, quando perde, lo fa in modo grandioso.”

Ma quali sono i due antidoti più forti alla vergogna? L’empatia e il sentirsi degni a prescindere, condividendo apertamente senza segreti! In questo senso ancora una volta le competenze del coach ci vengono in aiuto, sempre la competenza 4 di ICF che incoraggia i coach a sviluppare la loro capacità di ‘mostrare supporto, empatia e preoccupazione per il cliente”. Con l’empatia la vergogna muore, l’empatia è “anche io!”. Sentirsi abbastanza ci permette quindi di provare e vivere emozioni positive come la connessione e l’appartenenza e speranza.

La connessione è l’energia che vibra tra le persone quando si sentono viste, ascoltate e apprezzate, quando possono dare e ricevere senza essere giudicate. Che respiro grande, che ricchezza!

E qui, subito riconosco un altro filo rosso che ha attraversato la mia formazione da coach, cioè il libro di Bruce Lipton “La biologia delle credenze”. Lui sottolineava proprio l’importanza della connessione e dell’energia tra la persona e l’ambiente e tra persona e persona, sottolineando come gli esseri, viventi e non, entrino in risonanza armonica tra loro e come il pensiero stesso possa plasmare la nostra vita. Nello stesso modo la partnership con il cliente diventa un fondamentale cardine del viaggio di sessione e di percorso. E come il coaching mindset (competenza 2) permei tutto l’andamento di sessione.

L’appartenenza è invece l’innato desiderio umano di essere parte di qualcosa di più grande; spesso cerchiamo di adeguarci cercando l’approvazione altrui, ma la vera appartenenza si ha quando presentiamo al mondo il nostro sè autentico e imperfetto, e per poterlo fare dobbiamo fare leva sul nostro livello di autostima.

In questo senso ancora una volta Brenee mi viene in aiuto, perché mi permette, come coach di abbandonare serenamente la mia convinzione di dover fare meglio in favore dell’esserci come presenza nella sessione nonostante le mie imperfezioni.

Brenee afferma che per provare una amore e appartenenza profondi bisogna prima  credere di esserne degni e avere autostima, chiudendo il cerchio che avevamo aperto poco prima.

In ultimo ma non per importanza, esploriamo la speranza. Di solito si pensa ad una emozione calda e indefinita, quella sensazione che tutto possa essere possibile, ma Brené afferma invece che non è un’emozione, ma bensì un processo composto da una trilogia di: obiettivi, percorsi, operatività!

C’è speranza quando:

  • siamo in grado di stabilire delle mete realistiche (so dove voglio arrivare);
  • Siamo in grado di immaginare come raggiungere queste mete e siamo capaci di rimanere flessibili e sviluppare percorsi alternativi (penso di sapere come arrivare dove voglio, sono tenace, sono in grado di sopportare la delusione e riprovare);
  • Crediamo in noi stessi (ce la posso fare!)

Questo nuovo punto di vista sulla speranza è stato come un’epifania per me! Perché questa trilogia è perfettamente contenuta nel processo di coaching e nella sessione di coaching stessa nella definizione di accordi chiari e obiettivi, nel sostenere in maniera flessibile il viaggio di sessione o di percorso di sessione, nel credere di essere degni e di poter partire per il viaggio! E anche qui ho sentito forte il richiamo con il  mio modello di coaching (Sails model). Dopo averlo presentato, auguravo a tutti, colleghi e clienti, di vivere il viaggio con questa citazione:

“Di tutto restano tre cose:
la certezza che stiamo sempre iniziando,
la certezza che abbiamo bisogno di continuare,
la certezza che saremo interrotti prima di finire.

Pertanto, dobbiamo fare:
dell’interruzione, un nuovo cammino,
della caduta un passo di danza,
della paura una scala,
del sogno un ponte,
del bisogno un incontro.”

Fernando Pessoa

 

Come posso concludere?

Salutandoti, caro lettore, augurandomi che questo viaggio compiuto nel mondo della vulnerabilità e di Brené sia stato illuminante per te così come lo è stato per me!

… e beh… cara vulnerabilità… ti abbraccio con la speranza di trascorrere insieme tutta la vita!

 

Laura

“Attraverso il coaching sostengo e accompagno le persone promuovendo la loro libertà di essere se stessi e di aprire nuove rotte verso i porti che desiderano raggiungere.”

 

 

 

Share:

Facebook
Twitter
Pinterest
LinkedIn
On Key

Related Posts

Coaching Education

My Coaching Journal

It was a day in January, I was  looking for an old email from a head hunter with whom I had done a little coaching

Read More »