My transformational journey to become a Professional Coach

I started my training with SunLight Academy some time ago with the intention to become a Professional Coach in alignment with the ICF standards. I went through 9 months of continuous transformative processes, which have contributed to my growth and awareness of some beliefs that I thought were the only truth and that are still in a transformational process.
When I decided to enroll in an ICF accredited program with SunLight Academy, I did not imagine that coaching would affect me so much on a personal level! I really wanted that, but the result I got was totally unexpected.

Right after the first 4 hours of training I realized that a key element in being a coach was to look at myself, my mindset, how I actually live and look at my life, what I believe to be my obstacles, how my beliefs can influence the different aspects of my life.
At the beginning of my training I was immediately confronted with my ego: I was willing to give something of myself to others, I was convinced that people needed what I have to give, I believed that my clients need ‘my help’ and the skills that I have.

I believed that coaching was intended for people who are lacking of something or who are experiencing big problems in their lives. In addition, I realized that I was confusing the figure of the psychologist with that of the coach. During this journey of discovery I had doubts, I wondered if this was actually my path.

These doubts were fueled by my thoughts, by my mind, because since I said yes to the training course with SunLight Academy I knew with no doubts that all I wanted was to focus on this path and now more than before I am committed to developing my skills as a coach. I can’t imagine a different profession for me.
I discovered to my great joy that coaching not only gives the clients the opportunity to achieve the desired results and to create their reality, but also gives me the opportunity as a coach to learn from my clients and to be inspired by them.

When my clients go through their coaching session with me, I see their intention to move forward, I am always amazed by that moment of awareness that lightens up their faces and allow them to open to the vision they are creating, to the possibilities they are giving to themselves to take care of their lives and put themselves first.
This fascinating and engaging process makes me grateful to be a coach.

‘I’m a coach’ was not an easy statement for me to express and even better to recognize.
I knew I was going through the process of learning and practicing an ICF-accredited pathway, but I wouldn’t allow myself to say to myself that I ‘already am a coach’.

Acquiring the skills as a coach and apply them during the my coaching practice with my clients, allows me to go through a process of an increasingly accurate definition of my role as a coach. I also understood that this is a process that will last throughout my professional life: ICF defines the willingness to be in an ongoing development process one of the aspects that defines the ‘coaching mindset’ for a professional.

During the practice sessions I felt like ‘being a coach’ without yet feeling like I was ‘being a coach’. I understood with practice and continuous self-observation that focusing on what my client is, it means at the same time focusing on who I am: I am coach, indeed!
That’s why I continued to practice, session after session, until I was able to use my skills in the sessions in a  more complete and solid way. I still remember the difficulty I felt in the early days to complete an entire coaching session!

The confusion slowly gave way to clarity about the ICF competencies, I was stubborn and obstinate, I continued to follow the advice from my mentor and kept on practicing. The difficulty of the early days has thus left room for greater confidence and satisfaction in completing coaching sessions with an increasing presence.
This is why it is so important for me to take a break now to be able to acknowledge the work I’ve done, the commitment I put in place and the results I obtained. One of the skills of a coach it is indeed about the ability and intention to celebrate the progress of our clients, so I want to start celebrating mine.

I remember two moments in particular, which made the process quite interesting.

In July 2022 I was on the train to Rome and I received the following messages from my mentor Cristina Campofreddo: “I am sure that your sessions will soon reflect the PCC level (editor’s note: the ICF ‘professional’ level for which I am training for) and that you will progress as a result of your continuous commitment. I encourage you to value yourself, your talents, because they will make a difference in your life and will impact the life of others”.

After a few weeks and more mentoring sessions I got another feedback from my mentor: “You made it! You reached the PCC level and you did it without much effort, as you can see. I encourage you to reflect on the impact that your self-judgment can have on your abilities.”

These messages from my mentor had a strong impact on me, on my coaching sessions and on my learning process. During the following coaching sessions I gained more confidence in my abilities, I became more and more aware of my areas of strength as a coach and those skills on which I needed to focus and work more.
After this milestone my presence as a coach and my way of approaching my client has become more and more my personal expression of the skills I learned.

That’s how the statement ‘I’m a coach’ has taken on more and more meaning for me, through continuous practice and self-observation, confidence and vision of what I want to be. A professional coach, in fact!

My self-judgment is still strong, the temptation to follow the mind in judging my performance as a coach is always around the corner. But I choose to give value to myself and my talents, more and more every day, so that I fully give shape to what I want to be. I am aware of my potential, but the process of confidence in my abilities as a coach is constantly evolving and growing.
To support myself in this path of growth and evolution I ask myself: “If I do not believe enough in my potential, how can I support my customers who I consider rich in potential?”

The Universe, as a result of the law of attraction and correspondence, replies that it will be my clients who will allow me to fully learn the skills outlined by the ICF: in fact, my clients reflect those aspects and areas that I need to develop as a coach, in a process of continuous self-learning.

As a coach I am realizing once again that by being vulnerable, by showing myself for who I am and asking for help from others makes things easier and more effective. As a coach I recognize the value of sharing and supporting the international community of coaches of which I am part through the SunLight Academy program. The coaches in our community have already had similar experiences, like the one I am going through in my growth as a coach, and thanks to them and their stories I receive continuous inspiration.

This is exactly what happens in a coaching partnership: the coach and the client create an alliance, a partnership, they share responsibilities in the process, with a common goal that is represented by the client’s objectives.

As I write, in these days, in these weeks, during the training course with SunLight Academy to become a Professional Coach, I am committed to developing these skills, which represent elements of great value in the evolutionary process of every human being.

 

_________________
Italian version

Il mio continuo processo nel divenire coach

 

Ho cominciato tempo fa la formazione con SunLight Academy per diventare Coach Professionista secondo gli standards di ICF. Sono stati 9 mesi di continui processi trasformativi, che hanno contribuito alla mia crescita e alla consapevolezza di alcune credenze che pensavo fossero la verità e che sono tutt’ora in trasformazione.
Quando ho deciso di formarmi non immaginavo che il coaching mi avrebbe toccato così tanto a livello personale! Lo desideravo, ma questo risultato è stato comunque inaspettato .

Già dopo le prime 4 ore di training mi sono resa conto che la prima cosa per essere coach era quella di guardare me stessa, il mio mindset, a come effettivamente affronto la mia vita, quelli che credo essere i miei ostacoli, a quanto le mie credenze possono influenzare i diversi aspetti della mia vita.
Durante l’inizio della formazione mi sono subito confrontata con il mio ego: ero intenzionata a dare qualcosa di me agli altri. Ero convinta che le persone in difficoltà, quelli che ritenevo sarebbero stati i miei clienti, avevano bisogno ‘proprio del mio aiuto’, di un qualcosa che solo io posseggo.

Credevo che il coaching era destinato a persone a cui manca qualcosa o che affontano grandi problemi nella loro vita. Inoltre, mi sono accorta che confondevo la figura dello psicologo con quella del coach.

Durante questo cammino di scoperta ho avuto dei dubbi, mi sono chiesta se effettivamente questa è la mia strada. Questi dubbi venivano alimentati dai miei pensieri, dalla mia mente, perchè sin da quando ho detto sì al corso di formazione con SunLight Academy sapevo con certezza quindi di puntare su questa strada e ora più di prima mi impegno a sviluppare le mie competenze come coach. Non riesco ad immaginarmi una diversa professione per me.

Ho scoperto con mia grande gioia che il coaching non dà solo la possibilita al cliente di raggiungere i risultati desiderati e di creare la sua realtà, ma dà anche a me la possibiità come coach di imparare dai miei clienti e di essere da loro ispirata. Quando i miei clienti vivono insieme a me la loro sessione di coaching, vedo la loro intenzione di procedere in avanti, mi stupisco sempre davanti a quel momento di consapevolezza che rende il loro volti più luminosi e aperti alla visione che stanno creando, alle possibilità che stanno aprendo per sè stessi di prendersi cura delle loro vite in prima persona, mettendosi al primo posto. Questo processo affascinante e coinvolgente mi fa essere grata del mio essere coach.

‘Sono coach” non è stata un’affermazione facile per me da esprimere e prima ancora da riconoscere.

Sapevo che mi stavo formando attraverso il processo di apprendimento e pratica di un percorso accreditato da ICF, ma non mi permettevo di dire a me stessa di ‘essere già un coach’. Acquisire le competenze come coach e agirle sia durante le ore di formazione e di pratica, sia con i miei clienti, mi permette di andare attraverso un processo di definizione sempre più accurata del mio ruolo come coach. Ho compreso anche che questo processo durerà per tutta la mia vita professionale, perchè proprio ICF definisce che uno degli aspetti che evidenziano la presenza di un ‘coaching mindset’ per un professionista è proprio quel continuo impegno ad un apprendimento costante.

Durante le sessioni di pratica mi sentivo ‘fare il coach’ senza ancora sentire di ‘essere coach’. Ho compreso con la pratica e la continua auto osservazione che concentrarsi su ciò che il mio cliente è significa allo stesso tempo e nello stesso modo focalizzarmi su ciò che io sono, un coach, appunto!

Per questo ho continuato a praticare, sessione dopo sessione, fino a quando sono riuscita a usare le mie competenze in sessioni di coaching sempre più complete. Ricordo ancora la difficoltà che sentivo durante i primi tempi nel condurre una intera sessione di coaching. La confusione ha piano piano lasciato il posto alla chiarezza delle competenze ICF, sono stata caparbia e ostinata, ho continuato a seguire i consigli della mia mentore e ho aggiunto pratica alla pratica. La difficoltà dei primi tempi ha lasciato così spazio ad una maggiore fiducia e soddisfazione nel portare a termine sessioni di coaching con una presenza sempre maggiore.

Per questo è così importante per me prendere un momento di pausa per potermi rendere conto del lavoro fatto, dell’impegno messo in campo e dei risultati ottenuti. Una delle capacità di un coach è proprio quella di celebrare i progressi dei nostri clienti, per questo voglio iniziare a celebrare i miei.

Ricordo due momenti in particolare, che hanno reso il processo piuttosto interessante.
A luglio ero in treno verso Roma e ricevo i seguenti messaggi dalla mia mentore Cristina Campofreddo: “Sono certa che presto arriverà la tua sessione a livello PCC (n.d.r. il livello ‘professional’ ICF per il quale mi sto formando) e che tu farai grandi passi in avanti. Ti incoraggio a dare valore a te stessa, ai tuoi talenti, perchè faranno la differenza nella tua vita e in quella degli altri”.

Dopo qualche settimana e altri incontri di mentoring ricevo un altro feedback: “Hai raggiunto per la prima volta il livello PCC e lo hai fatto senza molta fatica, come vedi. Ti incoraggio a riflettere su quale peso può avere il tuo auto-giudizio sulle tue capacità”.

Questi messaggi della mia mentore hanno avuto un forte impatto su di me, sulle mie sessioni di coaching e sul mio processo di apprendimento. Durante le sessioni ho acquisito più fiducia nelle mie capacità, sono diventata sempre più consapevole delle mie aree di forza come coach e di quelle competenze sulle quali avevo bisogno di lavorare di più.

Dopo questo traguardo la mia presenza, il mio modo di pormi nei confronti del mio cliente è diventato sempre più la mia personale espressione delle competenze apprese.
E’ così’ che l’affermazione ‘sono un coach’ ha preso sempre più significato per me, attraverso la pratica continua e l’auto osservazione, la fiducia e la visione di ciò che voglio essere. Un coach professionista, appunto!

Il giudizio che esprimo su me stessa è sempre forte, la tentazione di seguire la mente nel giudicare la mia performance come coach è sempre dietro l’angolo. Scelgo però di dare valore a me e ai miei talenti, ogni giorno sempre di più, così da dare forma pienamente a ciò che voglio essere.

Sono consapevole delle mie potenzialità, ma il processo di fiducia nelle mie capacità come coach è in continua evoluzione e crescita. Per sostenermi in questo cammino di crescita ed evoluzione mi chiedo: “se non credo abbastanza nelle mie potenzialità, in che modo posso sostenere i miei clienti che considero ricchi di potenzialità?”

L’Universo, per effetto della legge di attrazione e corrispondenza, mi risponde che saranno proprio i miei clienti a permettermi di apprendere con pienezza le competenze delineate da ICF: sono infatti proprio i miei clienti che rispecchiano quegli aspetti e quelle aree che ho bisogno di sviluppare come coach, in un processo di continuo auto-apprendimento.

Come coach mi sto rendendo conto ancora una volta che essere vulnerabili,  mostrarsi per quello che si è e chiedere aiuto agli altri rende le cose più semplici ed efficaci. Come coach riconosco il valore della condivisione e del sostegno della Community internazionale di coach di cui faccio parte attraverso il programma di SunLight Academy. I coach della nostra Community hanno già vissuto esperienze simili alle mie e grazie a loro e alle loro storie ricevo continua ispirazione.

E’ proprio ciò che accade in una partnership di coaching: il coach e il cliente creano una alleanza, un sodalizio, si dividono le responsabilità nel processo, con un fine comune che è rappresentato dagli obiettivi del cliente.

Mentre scrivo, in questi giorni, in queste settimane, durante il percorso formativo per diventare Coach Professionista, sono impegnata a sviluppare proprio queste competenze, che rappresentano elementi di grande valore nel processo evolutivo di ogni essere umano.

 

 

Share:

Facebook
Twitter
Pinterest
LinkedIn
On Key

Related Posts

Coaching Education

My Coaching Journal

It was a day in January, I was  looking for an old email from a head hunter with whom I had done a little coaching

Read More »