Heart intelligence in coaching

For the first time in years, I found myself reflecting around the importance of the heart, a long forgotten theme. “Topic for romantic people … even a little undervalued topic to tell the truth.

After all, emotions do not reside in the heart, but in a part of the brain and even love has little to do with the heart, it is the child of much more complex and magical alchemy “, I thought.

Then something happens inside that draws attention and takes you right there, in the heart, to look for the answers, to find the deepest meaning of what you are doing … a sort of inner compass that accompanies you to rediscover the order of things.
But what is the heart? What do we mean by heart? What role does it play in our life?

Ancient civilizations and philosophies have considered the heart the home of life, the place of human spirituality, emotionality and morality. Paintings and works testify, for example, the centrality of the heart for Egyptians, Sumerians and Aztecs as proof of their worth before the Gods.
In Greek philosophy, as well as in Hesychasm, heart plays a fundamental role as a biological function and connection with the spiritual and divine dimension.
In the Bible the heart represents human life in its totality, it is the place where God speaks to man.
In ancient Chinese medicine it is the organ that governs the body and seat of the Shen, the spiritual heart, the one that guides the body and also the intellect.
In the Indian tradition, at the height of the chest we find the energy center of the fourth chakra, in Sanskrit Anahata, the point of union between the lower and upper chakras, between material and spiritual realization.
Modern science is now demonstrating the influence of emotions on the heart and how mind and heart dynamically interact in defining our emotional states and cognitive functions. The heart is, among the organs, the one with the most powerful electromagnetic field. Through the heart we send important signals and connect with other human beings and with the electromagnetic field of the earth.

Ancient visions of life, philosophy and science agree on the central role that the heart plays in our existence and not just as a biological function. It is enough to stop for a moment, to close your eyes and, while breathing, and to bring attention to the heart, in order to grasp, even if only intuitively, the immense potential that resides in it.
In me, the energetic vision of the heart resonates a lot as a place for the “integrated personality”, the personality capable of following the project of the “soul” by letting go of the ego. The personality capable of integrating individual peculiarities into our purpose, into our highest vision, aligning their actions with them, in balance, in love, in harmony with themselves and with what surrounds us.
Being in this place means for me to connect to an innate and powerful source of wisdom, to live in trust in life and to leave the judgmental mind aside to open the door to something greater and deeper. And it is here that I feel I find the key to access in a personal way the skills and qualities that accompany the coach in his work.

From here, for example, I have confidence in the process, precisely because it is focused on being and aimed at promoting, through awareness, the evolution of the clients and the expression of their potential in relation to their goals, recognizing them as perfect as they are.In fact, the coaching process according to ICF embraces both the “doing” and the “being” dimensions, the “what” and the “who”.
The definition of objectives (goals) by the clients and their action plan to achieve them passes through a path, which the coach promotes in partnership with the clients, aimed at evoking awareness. The emergence of awareness is what makes dialogue an opportunity for learning and therefore for growth for the clients.

This process is supported by questions capable of allowing the clients to explore the current situation in order to imagine and define new scenarios, from the space of silence in which the clients have the possibility to go deep inside themselves and also have the time to elaborate the inner movements, through the ability and courage of the coach to share observations, and by leaving the clients the freedom to use what is offered in the way they feel most appropriate.
And the gateway to this awareness is the potential, the essence, the “heart” of the clients.
This is what I feel is aligned with my vision of a process of sustainable growth and evolution and therefore nourishes the confidence I was just talking about. But this trust is supported in turn by a full trust in the clients, by the awareness that the clients have all the resources to activate their potential through this path.

From this perspective, in the sincere recognition of the other – which I feel it goes through the wisdom and intuitive capacity of the heart – I think it is possible to truly be open to the client and manifest the skills relating to “presence” and “trust and closeness”, the coaching approach according to ICF standards.

As coaches we do not know what the clients’ words will bring us, but our role is to be present in the moment, to recognize and integrate everything they manifest into the dialogue. The clients bring exactly what they are and what they need, sometimes regardless of their expectations and intentions regarding the session. They also expresses it through subtle, almost imperceptible ways, a word, a sentence apparently far from the “focus” of the work, a sigh, a hesitation, a slight inclination in the tone of voice.

Being able to grasp and give space to these elements allows the other to emerge and offers the coach the keys to access the clients’ world in a more authentic and profound way, in which the teacher are the clients because they are the ones who “know”.  And therefore welcoming means in this perspective feeling at ease even in not knowing, as the coach is in the position of “learning” from the “teacher”, with the curiosity that distinguishes the learning process and becomes functional to support the coaching process, to accompany the clients in depth and beyond the present scenario.

This attitude helps to create an environment of trust and closeness in which the others can feel welcomed and recognized for who they really are, without fearing the judgment and by trusting that the coach will integrate what is shared in the interest of the client. Because the coaches show that they fully understands and respects the clients, their values, their style, how they perceive the environment, or recognize their talents and intuitions. The coach is fully present with empathy.

And just as the heart on a physical level brings new oxygen to the whole body, at a more subtle level we coaches can be in touch with our the heart in a listening mode, free from our filters and judgments, open to intuition to speak, through the heart, in an authentic way to the clients by offering words that can facilitate the vision of new meanings and perspectives, the emergence of new awareness and methods, acting on active listening in which the clients can feel truly listened to and can therefore listen to themselves fully.

Active listening promoted by the ICF standards, requires the coach to be able to grasp what is beyond words, to connect with the entire clients’ system, and to notice the nuances and what is really communicated through non-verbal language and energy changes. This is a listening mode that represents the foundation to support the clients so that they can get clarity and make progress. Among the many qualities of the heart on a physical and symbolic level are harmony, connection, union. Acting from this level means promoting a dialogue between our parts, training ourselves to recognize an “interior dialogue” which is what also happens in the clients during a coaching conversation. As people and as coaches we manifest who we are.

I think that the ability to integrate this inner dialogue can support us not only to better understand the inner movement that occurs in the clients, but also in expressing and embodying some elements of the coaching mindset, such as self-reflective practice and a continuous learning process.

The awareness of our inner voice, probably the most powerful of all, puts us in a position to listen to it and to make it evolve through messages that are functional to welcome what we are as coaches to create, exactly as it happens in our clients, new visions and new perspectives useful to progress as professionals and as people, also through the external help of a mentor, a colleague and the ICF association as a whole.

Thinking about the heart, I imagine a door that allows you to access the integration between body, mind and spirit to be present to ourselves in our entirety, so as to recognize and reflect the clients in their wholeness and uniqueness and to connect with the divinity in all of us.

______________________
(versione in lingua Italiana)

L’intelligenza del cuore nel coaching

 

Per la prima volta, dopo anni, mi sono trovata a riflettere sul significato del cuore, tema a lungo dimenticato. “Argomento per romantici…anche un po’ svalutato a dire il vero. Del resto le emozioni non risiedono nel cuore, ma in una parte del cervello…e persino l’amore ha poco a che fare con il cuore, è figlio di alchimie ben più complesse e magiche”, pensavo.

Poi accade qualcosa dentro che richiama l’attenzione e ti porta proprio lì, nel cuore, a cercare le risposte, a trovare il senso più profondo di quello fai…una sorta di bussola interiore che ti accompagna a riscoprire l’ordine delle cose.

Ma cosa è il cuore? Cosa intendiamo per cuore? Che ruolo ha nella nostra vita?

Antiche civiltà e filosofie in tutto il mondo hanno considerato il cuore sede della vita, luogo della spiritualità, emotività e moralità dell’uomo. Pitture ed opere testimoniano, ad esempio, la centralità del cuore per Egizi, Sumeri e Aztechi quale prova del proprio valore innanzi agli Dei. Nella filosofia greca, così come nell’Esicasmo riveste un ruolo fondamentale come funzione biologica e collegamento con la dimensione spirituale e divina. Nella Bibbia rappresenta la vita umana nella sua totalità, è il luogo dove Dio parla all’uomo. Nell’antica medicina cinese è l’organo che governa il corpo e sede dello Shen, del cuore spirituale, quello che guida il corpo e anche l’intelletto. Nella tradizione indiana, all’altezza del torace troviamo il centro energetico del quarto chakra, in sanscrito Anahata, punto di unione tra i chakra inferiori e superiori, tra la realizzazione materiale e spirituale.  La scienza moderna sta oramai dimostrando l’influenza delle emozioni sul cuore e come mente e cuore interagiscano in modo dinamico nel definire i nostri stati emotivi e funzioni cognitive. Il cuore è, tra gli organi, quello con il campo elettromagnetico più potente. Attraverso di esso inviamo segnali importanti ed entriamo in connessione con gli altri esseri umani e con il campo elettromagnetico della terra.

Antiche visioni della vita, filosofia e scienza sono concordi sul ruolo centrale che il cuore riveste nella nostra esistenza e non solo come funzione biologica. E’ sufficiente fermarsi per un attimo, chiudere gli occhi e, respirando, portare l’attenzione al cuore, per cogliere anche solo intuitivamente l’immenso potenziale che in esso risiede.

In me risuona molto la visione energetica del cuore quale luogo della personalità capace di integrare le peculiarità individuali nel nostro scopo, nella nostra visione più alta, allineando ad essi il proprio agire, nell’equilibrio, nell’amore, nell’armonia con sé e con quanto ci circonda. Vivere nella fiducia verso la vita e lasciare da parte la mente giudicante per aprire la porta a qualcosa di più grande e profondo. Ed è qui che sento di trovare la chiave per accedere in modo personale alle competenze e qualità che accompagnano il coach nel proprio lavoro.

Da qui nutro ad esempio la fiducia rispetto al processo, proprio perchè focalizzato sull’essere e volto a promuovere, attraverso la consapevolezza, l’evoluzione del cliente e l’espressione del suo potenziale in relazione ai propri obiettivi, riconoscendolo perfetto così come è.

Il processo di coaching secondo ICF abbraccia infatti sia la dimensione del “fare” che quella dell’”essere”, il “cosa” e il “chi”. La definizione degli obiettivi da parte del cliente e del piano d’azione per raggiungerli passa attraverso un percorso, che il coach promuove in partnership con il cliente, volto a creare consapevolezza. L’emergere della consapevolezza è quello che rende il dialogo un’occasione di apprendimento e dunque di crescita per il cliente. E’ sostenuta da domande capaci di permettere al cliente di esplorare la situazione attuale per immaginare e definire nuovi scenari, dallo spazio del silenzio nel quale il cliente ha la possibilità di andare in profondità dentro di sé e il tempo per elaborare i movimenti interiori, dalla capacità e dal coraggio del coach di condividere osservazioni, lasciando al cliente la libertà di utilizzare quanto offerto nella modalità che sente più consona.

E la porta di accesso a tale consapevolezza è il potenziale, l’essenza, il “cuore” del cliente.

Questo è quanto sento allineato con la mia visione di un processo di crescita ed evoluzione sostenibile e nutre dunque la fiducia della quale parlavo poc’anzi. Ma questa fiducia è sostenuta a propria volta dalla fiducia nel cliente, dalla consapevolezza che il cliente ha tutte le risorse per attivare, attraverso questo percorso, il proprio potenziale.

Da questa prospettiva, nel  – che io sento passare attraverso la saggezza e capacità intuitiva del cuore – penso sia possibile stare veramente nell’apertura verso il cliente e manifestare le competenze relative alla “presenza” e “alla fiducia e vicinanza”, approccio richiesto secondo gli standard ICF.

Come coach non sappiamo cosa ci porteranno le parole del cliente, ma il nostro ruolo è quello di essere presenti nel momento, riconoscere e integrare nel dialogo tutto quello che egli manifesta. Il cliente porta esattamente ciò che è e ciò di cui ha bisogno, talvolta a prescindere dalle proprie aspettative e intenzioni riguardo alla sessione. Lo esprime anche attraverso modalità sottili, quasi impercettibili, una parola, una frase apparentemente lontane dal “focus” del lavoro, un sospiro, un’esitazione una leggera inclinazione nel tono di voce. Riuscire a cogliere e dare spazio a questi elementi permette all’altro di emergere ed offre al coach le chiavi per accedere in modo più autentico e profondo al mondo del cliente, nel quale il maestro è appunto il cliente perchè è lui che “sa”. E dunque accogliere significa in questa ottica sentirsi a proprio agio anche nel non sapere, in quanto il coach è nella posizione di “imparare” dal “maestro”, con la curiosità che contraddistingue il processo di apprendimento e diventa funzionale a sostenere il processo di coaching per accompagnare il cliente in profondità e oltre lo scenario presente.

Questa attitudine contribuisce a creare un clima di fiducia e vicinanza nel quale l’altro possa sentirsi accolto e riconosciuto per chi è veramente, senza temere il giudizio e nella fiducia che il coach integrerà quanto condiviso nell’interesse del cliente stesso. Perché il coach mostra di comprende e rispettare completamente il cliente, i suoi valori, il suo stile, ciò che definisce il suo ambiente, riconosce i suoi talenti e le sue intuizioni, è presente con empatia.

E così come il cuore a livello fisico porta nuovo ossigeno a tutto il corpo, ad un livello più sottile possiamo stare attraverso il cuore in un ascolto libero da nostri filtri e da giudizi, aperto all’intuizione, per parlare, attraverso il cuore, in modo autentico al cliente offrendo parole in grado di facilitare la visione di nuovi significati e prospettive, l’emergere di nuove consapevolezze e modalità, agendo l’ascolto attivo nel quale il cliente possa sentirsi veramente ascoltato e possa dunque ascoltare sè stesso.

Un ascolto, promosso dagli standard ICF, che richiede al coach la capacità di cogliere oltre alle parole, l’intero sistema del cliente, che vede il coach mettersi nella posizione di notare le sfumature e cosa viene veramente comunicato anche attraverso il linguaggio non verbale e i cambiamenti di energia. Un ascolto che rappresenta il fondamento per sostenere il cliente affinchè possa ottenere chiarezza e progredire.

Tra le numerose qualità del cuore a livello fisico e simbolico vi sono l’armonia, il collegamento, l’unione. Agire da questo piano significa promuovere un dialogo tra le nostre parti, allenarsi a riconoscere un “dialogo interiore” che è quello che avviene anche nel cliente. Come persone e come coach manifestiamo quello che siamo. Penso che la capacità di integrare questo dialogo interiore possa sostenerci non solo per comprendere maggiormente il movimento che avviene nel cliente, ma anche nell’esprimere e incarnare alcuni elementi del coaching mindset, quali la pratica autoriflessiva e il processo di apprendimento continuo. La consapevolezza della nostra voce interiore, probabilmente la più potente in assoluto, ci mette nella posizione di ascoltarla e di farla evolvere attraverso messaggi funzionali ad accogliere ciò che siamo come coach per creare, esattamente come avviene nel cliente, nuove visioni e nuove modalità utili a progredire come professionisti e come persone, anche attraverso l’aiuto esterno, di un mentor, di un collega, dell’ associazione ICF ad esempio.

Pensando al cuore, immagino insomma una porta che consenta di accedere all’integrazione tra corpo, mente e spirito per essere presenti a noi stessi nella nostra interezza, così da riconoscere e riflettere il cliente nella sua completezza e unicità.

 

 

Share:

Facebook
Twitter
Pinterest
LinkedIn
On Key

Related Posts

free session

Get yourself a free gift

An exploratory free coaching session of one hour with Cristina. You will get clarity on your goals, you will immediately experience the benefits of a coaching session and you will be able to create your vision for your purposeful future. 

Book today!