Awareness as a condition for the expression of coaching skills

Awareness is a necessary element in the process of growth and transformation for both clients and coaches.

While exploring the etymology of the word, I found various definitions, including: ‘a state of meta-mental Being (beyond the mind)’.
Its roots are Germanic, and come from the Old English wær meaning “wary, cautious.” Awareness can be something you notice, want to tell others about, or already know.
I find this definition fascinating and, personally, I envision awareness as a state of perfect balance within a person’s entirety: the physical body and the mind both have full understanding (knowing and feeling).

Other definitions of the word awareness include: having knowledge, becoming aware of something, perception of the self, an inner state or condition of “balance” and intelligence, self-knowledge, knowledge of others.

Expanding on this, awareness could also be defined as the ability to observe and understand oneself, others and the surrounding environment.

And what does this mean for a Coach?

For a coach, the ability to fully observe and understand oneself promotes greater authenticity and enables effective management of one’s reactions and biases. This support a positive and respectful coaching environment. Awareness of others facilitates the development of a deep understanding with the coachees, promoting trust in the relationship and allowing the coach to adapt their approach to the specific needs and characteristics of individual clients.

Below I present my personal point of view on the subject.

The word awareness is specifically indicated in ICF competency 7 “Evoking awareness” and its meaning is a necessary condition for the expression of other coaching competences in alignement with the ICF approach and it manifests within their expression:

  • the coach who demonstrates ethical practice (competence 1) works with the intention of understanding the profound theoretical meaning as well as the related practical implications in order to be conscious of the ethical aspects
  • the coach who embodies the coaching mindset (competence 2) perceives the importance and intentionally chooses to engage in continuous learning  (linked with knowledge), development of self-reflection, use of self-awareness and intuitions in favor of clients, ability to manage one’s emotions and prepare for sessions. Here, too, the coach perceives and feels both what is necessary in theory and how to act accordingly. If we, as coaches, are not open to change and to embark on a continuous self-development journey, how can we be consistent in promoting ourselves as “agents of change”?
  • in establishing the coaching agreement (competency 3) the coach partners with the client to explain what coaching is about, what to expect from the coaching/client relationship  on  partnership terms and conditions. Best conditions for doing this are to be aware of all the steps to be taken and the meaning of each one (knowing and feeling)
  • similarly the coach is aware of, and of the importance of, promoting behaviors that support and cultivate trust (competency 4) in order to promote the creation of a safety environment where the client can express himself freely without feeling judged.
  • the coach maintains presence (competency 5) and this relates to knowing and feeling being with the client in the present moment as well as, when the coach listens actively  (competence 6), he feels and perceives that he is focused on going beyond the simple words said by the client.
  • to create fertile ground for facilitating  client growth  (competency 8) the  coach feels and perceives the importance of  client autonomy in the process and ensure that the client has  a clear action plan to support them in achieving their predetermined  goals.

The ICF Code of Ethics supports the coaches to feel, perceive and sharing the responsibility that they  have towards the client, the practice and performance, the profession and society.

If awareness is the foundation for openness to new perspectives and, consequently, the foundation for change, and if the coach can be seen as an agent of change, then the coach should primarily be an Indiana Jones in the search for awareness.

Awareness allows us to simultaneously be aware of what we know and perceive what we don’t know.
The more we learn, the more we realize how much we don’t know…  Changing our perspective expands our field of vision; we see more things but at the same time there are more things to see.

I perceive and represent awareness with the image of a guardian of the fire that fuels curiosity, learning and humility.
How do you perceive it?

In my opinion, curiosity, defined as the desire to reflect on the deep meaning of the things we experience, and the ability to observe without judging, the answers given to questions, are useful ingredients for fostering awareness.

These two ingredients are also necessary predispositions for the client to facilitate the acceptance of new perspectives, thoughts, and/or behaviors that, once implemented, will allow them to move towards their goal.

Same ingredients for both, different uses.

The day after the meeting in which we have discussed the importance of the words that we use, I was at work and during the meetings I realized that automatically, on several occasions, after using a word , I immediately repeated  a more appropriate word that was more neutral in relation to what I intended to communicate. This, for me, represents an awareness of the importance and power of words, not only in coaching but in life in general.

Similarly, the process of revising this writing took place in a more conscious manner, allowing me to notice and replace many terms in alignment with the intended message I wanted to convey.
In order to do this I pretended to be an ordinary person and then checked if I understood the message the author was sending.

I will conclude this writing with a quote from Fëdor Michajlovič Dostoevskij:
“Consciousness and love, perhaps, are the same thing because you won’t know anything without love, and with love, you will know a lot.”

Personally, this quote struck me as an example of essential requirement of human relationship: love as the “instrument” (or means) to know one another.

______________________________

Versione in lingua Italiana

La Consapevolezza come condizione per l’espressione delle competenze nel coaching

La Consapevolezza è un elemento necessario al processo di crescita e trasformazione sia dei clienti che dei coach.

Ricercando l’etimologia della parola, che deriva verbo italiano sapere con il prefisso con, ho trovato varie definizioni, fra cui: “stato dell’Essere meta-mentale (ndr oltre la mente). Derivato da consapere, composto da “con” e “sapere”, cioè l’Essere con il sapere della mente e dei pensieri in essa contenuti”.

Trovo questa definizione affascinante e, personalmente, mi raffiguro la consapevolezza come uno stato di perfetto equilibrio della persona nella sua interezza: corpo fisico e mente hanno entrambi la piena comprensione (sapere e sentire).

Altre definizioni della parola consapevolezza:
l’avere conoscenza, il rendersi conto di qualcosa, percesione dell’io, condizione o stato interiore di equilibrio ed intelligenza, conoscenza di sé, degli altri individui.
Estendendo si potrebbe anche definire la consapevolezza come la capacità di osservare e comprendere appieno sé stessi, gli altri e l’ambiente circostante.

E cosa significa ciò per un Coach?

Per il coach la capacità di osservare e comprendere appieno sé stesso favorisce una maggiore autenticità e gli consente di gestire efficacemente le proprie reazioni e pregiudizi, questo influisce sulla creazione di un ambiente di coaching positivo e rispettoso. La consapevolezza degli altri agevola lo sviluppo di un’intesa profonda con i coachee, generando fiducia nella relazione stessa, oltre a permettere al coach di adattare il proprio approccio alle esigenze ed alle caratteristiche peculiari dei singoli clienti.

Di seguito esporrò un mio personale punto di vista sull’argomento.

La parola “consapevolezza”, espressamente richiamata nella competenza 7 di ICF “Evoca consapevolezza” richiama una condizione necessaria per l’espressione delle altre competenze ed allo stesso tempo, nella loro stessa espressione, vi si manifesta:

  • il coach che dimostra la pratica etica (competenza 1) opera con l’intenzione di comprendere il significato teorico profondo oltre che i relativi risvolti pratici per essere conscio-consapevole degli aspetti etici;
  •  il coach che incarna il coaching mindset (competenza 2) percepisce l’importanza e sceglie intenzionalmente di impegnarsi nell’apprendimento continuo (legame con la conoscenza), nello sviluppo di una pratica autoriflessiva, nell’utilizzo della consapevolezza di sé e delle proprie intuizioni a favore dei clienti, nel gestire le proprie emozioni e nel prepararsi alle sessioni: anche qui per poter far ciò il coach riconosce e sente quanto è necessario a livello teorico ma anche come poter agire in tal senso. Se non siamo noi coach, per primi, aperti e flessibili al cambiamento e ad affrontare un percorso continuo su noi stessi come potremmo essere coerenti nel promuoverci come agenti del cambiamento?
  • nello stabilire e nel mantenere gli accordi (competenza 3) il coach è partner con il cliente nello spiegare il coaching e la relazione di coaching oltre all’accordarsi sui parametri specifici: è quindi richiesto che sia consapevole di tutti i passaggi che esegue e del significato dell’importanza degli stessi (sapere+sentire)
  • analogamente il coach è consapevole di, e dell’importanza di, promuovere comportamenti che supportino e  coltivino la fiducia e la sicurezza (competenza 4) favorendo la creazione di un ambiente dove il cliente possa esprimersi liberamente senza sentirsi giudicato.

Il coach mantiene la presenza (competenza 5) e questo si collega al sapere e sentire di essere con il cliente nel momento presente così come nell’ascoltare attivamente (competenza 6) il coach sente di prestare attenzione andando oltre le semplici parole dette dal cliente.

  • per poter creare terreno fertile e facilitare la crescita del cliente (competenza 8) riconosce e percepisce l’importanza dell’autonomia del cliente nel processo e che lo stesso abbia ben chiaro un suo piano di azione che lo supporti a raggiungere i suoi obiettivi prefissati.

Dal punto di vista dell’etica, l’intenzione di applicare il Codice Etico ICF presuppone sentire e condividere la responsabilità che il coach ha verso il cliente, la pratica e la performance, la professione e non ultimo verso la società.

Se la consapevolezza è alla base dell’apertura a nuove prospettive e di conseguenza alla base del cambiamento e se il coach può essere visto come un professionista del cambiamento allora il coach dovrebbe essere in primis un Indiana Jones nella ricerca della consapevolezza.
La consapevolezza permette contemporaneamente di essere consci di quanto si conosce ed allo stesso tempo di percepire quanto non si conosce.

Più apprendo e più mi rendo conto di non sapere… cambiando la prospettiva si è allargato il campo visivo, vedo più cose ma allo stesso tempo ci sono più cose da vedere.
Percepisco e mi rappresento la consapevolezza con l’immagine di un guardiano del fuoco che alimenta la curiosità, l’apprendimento e l’umiltà, e voi come la percepite?

Ingredienti utili a favorire la consapevolezza, a mio parere, sono la curiosità intesa come la voglia di riflettere sul significato profondo delle cose che viviamo e la capacità di osservare, senza giudicare, le risposte che vengono fornite alle domande.

Queste due ingredienti sono predisposizioni necessarie anche al cliente per agevolare l’accoglimento dei suoi nuovi punti di vista, dei suoi nuovi pensieri e/o dei suoi nuovi comportamenti, che una volta messi in atto, gli permetteranno di incamminarsi verso l’obiettivo.
Ingredienti uguali per entrambi, usi diversi.

Il giorno successivo all’incontro in cui si è discusso il tema dell’importanza dell’uso delle parole ero al lavoro e durante le riunioni mi sono accorto che automaticamente, in più occasioni, dopo aver utilizzato una parola ne ripetevo subito un’altra più appropriata in quanto più neutra relativamente a ciò che intendevo comunicare. Questa rappresenta per me una consapevolezza sull’importanza e la forza delle parole, non solo nel coaching ma nella vita in generale.

Analogamente l’attività di revisione della bozza di questo scritto si è svolta in modo più consapevole permettendomi di notare e di sostituire molti termini in direzione dell’intenzione del messaggio che volevo trasmettere.
Per farlo ho fatto finta di essere una persona qualunque per poi vedere se stavo capendo il messaggio che l’autore stava inviando.

Termino questo scritto con una citazione di Fëdor Michajlovič Dostoevskij:
“La consapevolezza e l’amore, forse, sono la stessa cosa, perché non conoscerete niente senza l’amore, mentre con l’amore conoscerete molto”.

Personalmente mi ha colpito in quanto esemplificativa di un requisito imprescindibile della relazione fra essere umani: l’amore come “strumento” (o attraverso cui) per poterli conoscere.

 

 

Share:

Facebook
Twitter
Pinterest
LinkedIn
On Key

Related Posts